Alessandro Pirrò e Marianna Meccariello wedding planners

Ciao siamo Marianna Meccariello e Alessandro Pirrò e siamo due destination wedding planners Italiani operanti nel territorio Dolomiti patrimonio UNESCO e in Alto Adige.


Ci siamo formati nel mondo del marketing e del marketing digitale e oggi siamo felici di poterci dedicare a voi, operatori del wedding come noi o aspiranti professionisti di questo settore.

Dal 2018 abbiamo creato insieme due brand, il primo è Makeda Wedding Planner, un progetto che abbiamo pensato per le coppie straniere che desideravano celebrare il loro matrimonio nelle Dolomiti patrimonio dell’Umanità.

Successivamente ci siamo dedicati al nostro secondo brand: The Legal Wedding Planner, un business focalizzato sull’assistenza delle coppie straniere che intendono sposarsi legalmente in italia con pieno riconoscimento nel loro paese di provenienza del matrimonio civile contratto in Italia.

Il nostro è un settore affascinante ma estremamente complesso, soprattutto quando si lavora con il mercato straniero

Vi siete accorti degli standard più alti richiesti, ma anche dei compensi più alti.
Giusto?

Oggi vogliamo darti la possibilità di partecipare al nostro corso che si terrà negli scenari delle meravigliose Dolomiti nelle quale, per tre giorni vi insegneremo come utilizzare i concetti base del marketing e le sue applicazioni più efficaci e intuitive nel settore digitale con un focus specifico nel settore del wedding.

Cosa condivideremo con te:

  • Parleremo di come si parte da un’idea per giungere all’ideazione di un prodotto o un servizio.
  • Ti forniremo un framework per analizzare il mercato in cui ti trovi, costruire il profilo della tua buyer persona e come farti trovare dai clienti in target.
  • Parleremo dei strumenti software di web analysis, di intelligenza artificiale per analizzare il mercato e come farci trovare dai clienti che ci stanno cercando ma che di fatto non ci trovano!
  • Parleremo di come creare una presentazione alla quale sarà difficile dire di no se il lavoro a monte sarà stato ben progettato.
  • Parleremo infatti dell’obiettivo più importante: come iniziare a fatturare per far si che la tua attività non sia un mero hobby o un business insostenibile economicamente, ma qualcosa che ti renda libera finanziariamente come è successo a noi.
  • Infine vi racconteremo la nostra esperienza personale che ci ha portato con soli €2,30 sul conto ad arrivare a 130.000 euro di fatturato in un solo anno senza chiedere provvigioni ai fornitori e senza percepire i compensi dei fornitori stessi, né finanziamenti europei o bancari ma solo tramite il nostro compenso come wedding planners.
A symbolic ceremony in the Lumen Museum.

Perché ci concentreremo sul Marketing se è un corso per wedding planners e operatori del wedding?

Vendere è spesso difficile. Ma quando il marketing è forte la vendita è facile.

Chi entra in un Apple Store, comprerà perché ci sono abili venditori all’interno o perché i prodotti si vendono da soli?

Allora partiamo da un presupposto:

quando si fa Marketing -nel nostro caso nel settore del wedding- avremo tre elementi principali:

Il primo elemento principale è l’idea.

L’idea non è per forza qualcosa di immaginario che sta all’interno della nostra mente.

L’idea é ciò che noi possiamo raccontare di noi stessi

Potremmo raccontare ad esempio:

della nostra terra di origine ;
– del nostro bagaglio culturale(le lingue che conosciamo, il paese dove siamo nati anche se è la Patagonia!);
– di cosa possiamo fare noi per gli sposi a differenza di altri,
– della storia che si nasconde dentro la nostra location,
– del profumo dei fiori raccolti su quella montagna in quella stagione,
– del profumo del legno delle “Stube” tirolesi;
– dei colori delle crete senesi al tramonto;
– il viola della buganvillea accostato al bianco delle masserie pugliesi;
– di quanto il mio servizio può farti risparmiare perché ha dei tratti unici nella sua gestione e pianificazione.
– il silenzio rumoroso di una caletta in Sardegna.

Qualcosa che venga naturale raccontare, che sia “nostro” ma che possa appassionare chi ci sta ascoltando o leggendo facendo leva sui suoi desideri!

Si hai capito bene, c’è qualcuno che ti sta cercando ma non ti trova.

Come si risolve?

Questo è un po’ lo slancio che daremo al nostro corso:

vedere con altri occhi ma rimanendo con i piedi per terra, con dati alla mano.

Infatti ti diamo una notizia:

non si può fare marketing senza i dati

Grooms holding their hands after landing on Cadini di Misurina.


Se ci pensi ognuno di noi ricorda almeno una storia o un aneddotto che ci ha raccontato una nostra nonna o un nostro nonno.

Aldilà del legame affettivo con queste persone speciali, che cosa ha fatto si che queste storie siano rimaste nella nostra mente?

Il loro valore.

Il valore inteso come legame profondo derivato da un insegnamento di vita ricevuto, come appartenenza a certe abitudini familiari, le esperienze condivise con la famiglia, il legame affettivo, i valori familiari, ma soprattutto la credibilità della voce narrante.

Che non erano altro che i nostri nonni!

In questa foto sotto i nostri nonni da giovani in Alto Adige LOL

Ecco questo già è un framework di lavoro.

Se impostassimo una strategia di marketing su questi aspetti che abbiamo appena elencato come:

insegnamento di vita;
appartenenza;
esperienza;
valori;

emozioni;
credibilità della voce narrante…

beh già avremo qualcosa sui cui lavorare
.

Su cui costruire un prodotto o un servizio e raccontare il perché questo prodotto si addice a me che lo vendo e a te che lo vuoi comprare!

Attenzione non dobbiamo diventare dei manipolatori.

Il marketing non è altro che dare semplicemente qualcosa a qualcuno che la sta cercando.

A wedding reception outside with a backdrop on the Sciliar in the Dolomites.

Secondo elemento

Quindi quale è il secondo elemento che qualsiasi “marketer” operante nel settore del wedding deve possedere?

La comunicazione.


La comunicazione è il modo in cui andremo a comunicare.
Gli angoli con cui andremo a comunicare.

E poi vedremo che cosa sono nello specifico, quindi quali sono i tool, i software e le strategie in ambito digitale o offline che possiamo mettere in atto per farci trovare dai nostri clienti in target.

Mise en place Seizer Alm

E il terzo elemento ?

Si il terzo elemento, è forse è il più importante di tutti.

È il target, il nostro pubblico.

Il pubblico è tutto. L’attenzione delle persone è tutto.

Viviamo nell’ “attention economy” e sappiamo che l’attenzione è la risorsa più scarsa di tutti.

Molti dei vostri competitor sono disposti a pagare molti soldi in campagne sponsorizzate o fare ricorso a noti editoriali o pubblicare tutti i giorni pur di essere notati.

Sono disposti a pagare per avere l’attenzione delle persone.

Perché oggi giorno se c’è una cosa che scarsa è proprio l’attenzione delle persone!

Dobbiamo imparare a capire che quando abbiamo l’attenzione delle persone, ci direzioniamo verso un pubblico ben specifico.

Per dirlo meglio:


dobbiamo individuare un bacino di persone che possono affezionarsi a quella che è la nostra idea perché condividono i nostri valori, le nostre credenze e apprezzano le “venature” del nostro prodotto!


Si le venature come quelle del legno.

Perdonate, ma qui sulle Dolomiti c’è, per fortuna, tanto legno!

Main facade of Chalet Pia in Alta Badia.
View of Passo Sella Mountain Resort
A newlywed couple walking around the Karersee.


Sulla base di questi rudimenti di marketing, possiamo iniziare certamente a mettere le basi per il nostro lavoro di costruzione di un’offerta in risposta alle domande e i bisogni e desideri delle nostre coppie in uno specifico mercato e in una specifica nicchia di mercato, o magari di una sotto-nicchia.

Riguardo a questo, durante il corso vi daremo anche un framework su come effettuare un indagine di mercato (prima di fare investimenti a vuoto).

Un riflessione finale



Più volte ci è capitato di vedere coppie che venivano da noi dopo essere passate per altre wedding planners magari avendo anche speso soldi per prenotare i loro servizi.

Perché magari inizialmente la coppia presa dall’ansia si era concentrata su una delle skill della wedding planner, senza valutare la professionista e il suo brand a 360 gradi.

Ma possiamo e anzi dobbiamo dire questo.

Questo in realtà è accaduto non per l’ansia degli sposi o per la bravura della wedding planner a vendere.

Ma perché era semplicemente colpa nostra, in quanto non avevamo comunicato bene chiaramente chi eravamo, quali erano i nostri valori, quali erano i tratti che ci distinguevano dagli altri.

Se queste coppie non erano venute da noi era solo responsabilità nostra.

Non avevamo comunicato esattamente, chi eravamo, perché lo facevamo, come lo facevamo, quale fosse la nostra storia, ed il perché la nostra storia ci avesse portato a lavorare in questo settore e ad essere quello che siamo, cioè dei destination dei wedding planners operanti sulle Dolomiti.

Strana storia eh?

A beautifully decorated table set for a summer wedding on the Amalfi Coast in Italy.

Bhe! Conclusione???

Abbiamo fatto lunghe premesse pertanto arriviamo ad una conclusione utile per voi.

Se qualcuno ti sceglie, non deve sceglierti perché la tua simpatia, perché sai vendere, perché hai tanti followers, perché hai un bel sito, perché usi bei font o fai dei reel emozionali o perché siete stati pubblicati su noti editoriali.

Deve scegliere te perché non può scegliere altri wedding planner o fornitori del settore del wedding.

Comprendi questo:

se fai un buon marketing e una comunicazione mirata, la vendita sarà facile e in videochiamata con le coppie non dovrete sudare nei vostri abiti e non avrete problemi di salivazione.

Se la nostra identità non è forte e definita da tratti unici e inconfondibili, ci sarà sempre qualcuno a proporsi ad un prezzo più basso, o magari perché è più famoso di noi o con più esperienza di noi.

Non perdere l’occasione di essere te stess*, e vendere senza fatica.

Si è possibile e senza manipolare il prossimo con le tecniche di vendita spicciola anni ’90.

Oggi ti proponiamo un corso che non è volto a farti apprendere come abbellire le tavole, a creare una mood board, a riflettere sul regime fiscale o su aspetti legali.

Queste cose le ritroviamo a valle!

Se non fatturi non abbellisci tavole, non hai i soldi per comprarti un tablet per creare un mood board, non puoi pagarti il commercialista o il consulente legale, non paghi le bollette!

Ma sopratutto non hai neanche i soldi per fare uno shooting!

Con noi il focus è far si che tu possa autonomia finanziaria, ma ci permettiamo di insegnartelo perché lo abbiamo fatto noi per primi.

Non perché siamo dei geni!

Ma ora pensiamo a darci da fare!

Puoi prenotare oggi il tuo posto al corso “wedding marketers” che si terrà a dicembre sugli scenari mozzafiato delle Dolomiti!

Beautiful high-end lodge in the Dolomites during a wedding.

Passeremo insieme 3 giorni in cui faremo una full immersion di formazione nel marketing, marketing digitale e vendita per gli per operatori del wedding in un meraviglioso Chalet sulle Dolomiti del Latemar (si è quello che vedi nella foto sopra!)

Alterneremo momenti di formazione, condivisione, relax e per chi vorrà trekking, yoga e degustazioni dei vini altoatesini e riflessologia plantare!

Insomma non è così male! 🙂
Vi trattiamo meglio dei nostri sposi!!!

Ma prima di partire…

Tieni conto che, questo corso NON fa per te se:

  1. Pensi che per fare la wedding planner tu debba avere gusto, conoscere il galateo, ed avere un carattere forte.
  2. Pensi che bisogna fare tanto lavoro sui social
  3. Pensi che occorra fare tanti corsi per wedding planner.
  4. Pensi che se non hai i soldi non puoi iniziare un’attività (per inciso noi siamo partiti con €2,30 sul conto e abbiamo fatturato più di €130,000 l’anno dopo.
  5. Pensi che per imparare a fare il wedding planner occorra avere un wedding planner che ti prenda sotto la sua “ala protettrice”.
  6. Pensi che le cose in Italia sono tutte sbagliate e quindi non ne vale la pena investire in una attività.
  7. Pensi che tutto sommato una vita con lo stipendio mensile garantito possa essere una valida alternativa.
  8. Pensi che l’imprenditore sia uno che lo fa perché è figlio di un imprenditore.

Bene!

Se non credi fermamente in una delle cose sopra elencate, significa che questo corso è l’ideale per i tuoi progetti, qualsiasi essi siano.

RIVELAZIONE CONTROINTUITIVA:

Non devi lavorare per forza nel settore del wedding!


Noi ti vogliamo dare gli strumenti per farlo, ma le aree applicative sono tante e noi vogliamo rendere la tua esistenza il più libera possibile, per far si che tu faccia la scelta migliore per farti conseguire la libertà finanziaria e non cedere il passo al mito del lavoro subordinato o del posto fisso!

Se ce l’abbiamo fatta noi, puoi farlo anche tu!

Puoi prenotare un posto per te per il corso che si terrà il 23 e 24 novembre 2024.

Al momento il prezzo è estremamente favorevole: €570 invece che €770 se prenoti entro il 17 luglio 2024.


Se vuoi prenotare il tuo posto
compila il Google form al link di seguito e una volta proceduto al pagamento riceverai tutte le istruzioni che ti occorrono per essere dei nostri!

Allora…ti aspettiamo! 🙂

Un abbraccio,

Alessandro & Marianna

CLOSE MENU